VarieWeb 2.0

Rivoluzione digitale e lavoro freelance

Pubblicato il

Qualche giorno fa vi ho segnalato un articolo, gentilmente pubblicato da Twago, all’interno del quale portavo la mia personale esperienza per ciò che riguarda il mondo dei freelance.

Oggi ricevo, e volentieri vi propongo, l’interessante analisi di Lorenzo.

Rivoluzione digitale e lavoro freelance, il futuro è già iniziato

di Lorenzo, della piattaforma online twago.

Stiamo vivendo una svolta epocale pari a quella che fu l’invenzione della stampa. Internet ha cambiato il nostro modo di lavorare. Protagonista di questa svolta è sempre più l’esperto freelance online, che sia un professionista del web marketing, dei linguaggi di programmazione o del copywriting.

Gli attuali stravolgimenti dell’economia mondiale non sono solo causati da mutamenti geopolitici. Un ruolo importante è ricoperto anche dal veloce emergere di nuove forme di produttività, di nuovi beni e servizi. Si tratta di aspetti a volte trascurati, e questo è un errore. Proprio il cambio di paradigma produttivo, infatti, è quello che racchiude più potenzialità e prospettive positive per il futuro. L’emergere dell’economia digitale non ha più solo a che vedere con la comunicazione, ma segna un passaggio che è parte integrante di una svolta epocale che ha cambiato definitivamente il modo di lavorare, produrre e creare. Ad essere precisi ci troviamo di fronte ad una svolta in cui produzione, lavoro e creatività sembrano fondersi. Per permettere di dare il massimo partendo dalle possibilità della rete i classici metodi di lavoro sembrano sempre meno adatti.

Ecco perchè è proprio in rete che cresce sempre di più l’importanza del lavoro freelance, vale a dire di quei professionisti che hanno scelto di autovalorizzarsi contando sul proprio capitale di esperienze e formazione, offrendo di volta in volta le proprie capacità ad un cliente diverso. E-commerce e web marketing danno il meglio quando non sono rinchiuse in strutture rigide e organizzazioni logistiche antiquate. Ecco perchè l’autonomia di un freelance diventa una risorsa di rilievo. Non solo, l’economia digitale richiede specifiche specializzazioni che spesso solo un esperto freelance può offrire. E’ ovvio che se un’azienda ha bisogno di un linguaggio di programmazione particolare o di uno specialista del SEM è più conveniente affidarsi a qualcuno che si dedica a tempo pieno a questo campo e che può offrire un servizio basato su continui aggiornamenti e confronti con molteplici case histories.

Se si guarda oggi alla diffusione online del lavoro freelance sono quindi proprio le profesisoni legate all’Information Technology ad essere le più richieste a livello nazionale e internazionale. Web designer e programmatori sembrano farla da padroni. A questi bisogna aggiungere anche nuove figure legate alle ultime evoluzioni del web: esperti di social network e della gestione delle piattaforme CMS. Resta poi costante l’importanza dei traduttori online, mentre è in continua crescita quella dei copywriter.

Proprio sulla scrittura online ci sono da tempo dibattiti che si interrogano sull’effettiva qualità dei testi in rete. Si tratta di interrogativi che forse avevano senso un tempo, quando i testi online erano pochi e la qualità abbastanza bassa. Oggi anche per il copywriting c’è invece un integrazione di lavoro e creatività, esattamente come è accaduto per il web design, dove creatività e campagne di advertising si sono nutrite a vicenda. Oggi anche i testi con scopi commerciali puntano sempre più alla qualità dei contenuti.

Se poi in rete si vuole cercare una scrittura ancora più alta e disinteressata, ad esempio forme di poesia digitale, anche queste sono sempre più diffuse. A conferma che le potenzialità del web non smetteranno di evolversi ancora per molto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *